Grani Antichi e Pasta Madre
Proprietà virtù ricette - Conoscere la salute per conservarla
Seguimi su telegram: https://t.me/cibodellasalute



Le noci di cocco sono alla base delle abitudini alimentari del Sud asiatico da millenni, e a mio parere non esiste alimento più puro della loro polpa.

Jeffrey Moussaieff Masson statunitense

Cosa ti fa venire in mente il profumo dell’olio di cocco?

Certamente odore di mare, isole tropicali, palme, voglia di vacanze e relax.

Quello che forse non viene subito in mente è che l’olio di cocco fa bene alla salute!! Anche quella dei gatti!!

L’olio di cocco integratore naturale nella ciotola

Poco conosciuto nella nostra dieta fino a pochi anni fa, oggi è sempre più apprezzato per le sua qualità benefiche. Anche per l’alimentazione e la cura degli animali.

Il burro di cocco è un grasso dalla consistenza solida, paragonabile a quella del comune burro, ma di colore bianco perla, che quando supera supera la temperature di 24° o  25° fonde e diventa un olio limpido e chiaro. Ecco perché è indifferente parlare di olio o di burro di cocco.

Olio di cocco benefico per la salute a 360°

L’olio di cocco può essere associato a moltissimi effetti benefici per la salute:

  • Aiuta a prevenire le malattie cardiovascolari e il diabete
  • Ha un’azione antisettica, verso batteri, virus e lieviti
  • Combatte parassiti interni ed esterni
  • Sostiene gli organi digestivi, il fegato e il pancreas
  • Aiuta e sostiene il sistema immunitario
  • Riduce l’infiammazione, anche cronica (ricucendo quindi alcuni tipi di cancro)
  • Rafforza denti e ossa
  • Diminuisce la frequenza delle crisi epilettiche
  • Cura la salute della pelle (alleviando anche i sintomi di eczema e psoriasi)
  • Aiuta a perdere peso corporeo 
  • … e la lista potrebbe continuare

Dunque l’olio di cocco ha davvero molti effetti benefici. 

Il frutto della palma da cocco, chiamato anche albero della vita, è un alimento base in molte isole Polinesiane, e gli isolani sono tra le persone più sane del mondo! 

L’olio di cocco per dare il massimo dei benefici deve essere vergine, spremuto a freddo e della massima qualità, non deve essere è né raffinato, né deodorato né sbiancato. 

Perché l’olio di cocco industriale, raffinato, sbiancato e deodorato, non è raccomandato per il consumo alimentare.  Se pure la quota di MCT (acidi grassi a catena media) vengono mantenuti, a causa dei trattamenti chimici la vitamina E naturale e altri nutrienti importanti vengono persi o deteriorati.

I benefici per la salute dei piccoli felini dell’olio di cocco

Sapevi che l’ olio di cocco per gatti è utilissimo? 

Sì, anche il tuo micio può trarre molti benefici per la sua salute dal burro di cocco. 

Se stai già usando questo grasso speciale nelle tue ricette e nel tuo caffè, sai che l’uso di un cucchiaio di questo olio ricco di grassi saturi è molto meglio per la salute rispetto all’uso di altri oli vegetali, o oli di semi altamente raffinati.

Ma forse non sai che l’olio di cocco non è solo un vero toccasana per nostra salute, lo stesso vale anche per i nostri amici gatti.

Benefici dell’olio di cocco per gatti

Cominciamo con l’uso più comune di utilizzare l’olio di cocco per i gatti come per noi: come alimento.

Aggiungere un po’ di olio di cocco al cibo è utile alla salute del tuo amico per molti motivi.

La maggior parte dei gatti domestici soffre di disidratazione.
Questo perché la maggior parte è nutrito esclusivamente con cibo secco, mentre l’ideale per una dieta adatta alla loro specie sarebbe a base di cibo umido.

I gatti (così come i cani) in natura si nutrono con una dieta che contiene almeno l’80% di umidità, mentre il cibo secco contiene solo il 10-15% di umidità.

L’aggiunta di un po’ di olio di cocco e di liquidi come acqua tiepida o brodo (ovviamente non di dado!!) nella ciotola del cibo, migliora l’idratazione del corpo e di conseguenza anche quella della pelle e del pelo.
Ne basta una piccola quantità, da un quarto a mezzo cucchiaino al giorno.

Olio di cocco e controindicazioni

Il burro (o olio di cocco) è ricco di grassi saturi, che hanno una cattiva reputazione.
La maggior parte dei medici tradizionali, delle organizzazioni sanitarie e dei dietologi li considerano una specie di tabù dietetico. 

Ma, mentre la stragrande maggioranza dei grassi saturi proviene da fonti animali, le noci di cocco (Cocos nucifera) sono una rara fonte di grassi saturi di origine vegetale. 
Questo grasso è formato da un trio di acidi grassi – acido laurico, caprico e caprilico – che conferiscono le comprovate proprietà antibatteriche e antinfiammatorie dell’olio di cocco nell’alimentazione umana.

Per questo dall’olio di cocco anche il tuo gatto potrebbe trarre gli stessi benefici per la sua salute che ne abbiamo noi.

Ecco alcuni benefici per la salute del burro di cocco per i gatti:

Olio di cocco e metabolismo del gatto

Gli acidi grassi dell’olio di cocco sono facilmente digeribili, perché vengono assorbiti direttamente dall’intestino, senza dover essere scomposti prima e passare dal fegato, alleviando così il lavoro degli organi digestivi (fegato, cistifellea, pancreas). 

Un aspetto molto interessante per gatti con problemi all’apparato digerente!

A causa di un’alimentazione non appropriata alla specie, moltissimi animali soffrono di malattie gastrointestinali croniche. 
Spesso sono evidenti, con diarrea e vomito, o coliche. Altre sono meno evidenti e ci vuole tempo per notarle, come quelle che danno problemi al fegato e alla cistifellea o al pancreas.

Purtroppo oggi non solo sono molto comuni, sono spesso già gravi quando i sintomi diventano evidenti.

Metabolismo energetico del grasso di cocco

Cosa rende così importante l’olio di cocco per la produzione di energia?

Ci sono parecchi motivi a favore dell’aggiunta di olio di cocco al cibo al posto di altri oli vegetali, soprattutto “vantaggi” metabolici:

Gli acidi grassi del cocco passano attraverso le membrane cellulari senza l’aiuto di altre proteine ​​di trasporto, quindi forniscono rapidamente all’organismo l’energia di cui ha bisogno.

Gli atleti che usano il burro di cocco abitualmente conoscono molto bene questo vantaggio energetico. 

Per questo motivo anche i gatti che hanno necessità di disporre di fonti di energia rapidamente utilizzabile (anziani, molto magri, debilitati …) possono trarre molto beneficio dall’integrazione dell’olio di cocco nel loro cibo.

Burro di cocco e metabolismo dell’insulina

Ma i grassi dell’olio di cocco non hanno solo un effetto positivo sul metabolismo energetico. Agiscono positivamente anche sull’equilibrio dell’insulina.

Perché al contrario di altri tipi di grassi, o altri oli vegetali, non si basano su l’insulina come mezzo di trasporto per entrare nelle cellule. Riducendo quindi il rischio di sviluppare insulino resistenza e di conseguenza il diabete. 

Olio di cocco per il benessere dei denti e delle gengive del gatto

Tutti i proprietari di gatti sanno che spesso hanno un alito orribile.

Ma se questo è vero per qualsiasi specie di carnivoro, usare l’olio di cocco potrebbe aiutare a renderlo più sopportabile.

La gengivite (infiammazione) e l’accumulo di placca (proliferazione batterica) in eccesso sono due delle cause principali dell’alitosi.

Ci sono degli studi che hanno riscontrato come l’acido laurico, uno dei tre principali acidi grassi nell’olio di cocco, mostri ottime proprietà sia antimicrobiche che antinfiammatorie. 

Ecco perché l’olio di cocco, proprio grazie alla presenza dell’acido laurico aiutando a combattere sia l’infiammazione che la crescita batterica, potrebbe aiutare a mitigare l’alitosi del tuo gatto o anche a bloccarla sul nascere.

Per un gatto di taglia media, puoi somministrare da ¼ a ½ cucchiaino di olio di cocco una o due volte al giorno, ma ti consiglio di iniziare con un minimo di ⅛ di cucchiaino al giorno e poi aumentare la dose.

Tuttavia, ti suggerisco di usarlo con parsimonia se il tuo gatto è un po’ cicciottello.
In questo caso ti consiglio di applicare l’olio massaggiandolo direttamente sui denti e sulle gengive tutti i giorni.

Olio di cocco lenitivo per la pelle

L’uso dell’olio di cocco per il tuo gatto è anche un toccasana per il benessere della pelle e del pelo. 

Secondo un veterinario olistico citato in questo articolo su PetMD, l’olio di cocco può aiutare in caso di allergie, pelle secca, prurito e per la salute generale del pelo. Aiuta perfino ad alleviare i sintomi della dermatite.

Inoltre, proprio come per noi esseri umani, l’olio di cocco può aiutare a guarire più facilmente in caso di ferite, perché la gravità di eventuali infezioni può diminuire con l’applicazione costante di olio di cocco.

Ma c’è un “problema” con l’uso dell’olio di cocco sulla pelle del tuo gatto: lo leccherà.
Quindi se vuoi sapere se applicare l’olio di cocco sulla pelle del gatto funziona davvero, dovrai fare attenzione a non lasciare che si lecchi le ferite.

L’olio di cocco non è un unguento miracoloso, ma possiede indubbie proprietà curative per alcune ferite. I gattini soprattutto, che spesso soffrono di ascessi o altre infezioni e infiammazioni della pelle, potrebbero trarne grande beneficio.

Attenzione però, per evitare di provocare eccessivo dolore, applica l’olio di cocco intorno alla ferita, non su di essa.

Burro di cocco come top-coat protettivo

Se ami portare il tuo gatto a fare una passeggiata al guinzaglio, oppure se è abituato a uscire spesso, l’olio di cocco può fungere da rivestimento protettivo se applicato sulle zampe del tuo micio prima delle uscite all’aperto. Per aiutare il tuo gatto con l’olio di cocco: strofinarne un po’ sui cuscinetti (i meravigliosi gommini) delle sue zampe prima che esca.

Puoi strofinare uno strato sottile di olio di cocco sulle parti più esposte di pelle  del tuo micio come protezione contro le scottature (anticamera del cancro della pelle, soprattutto per i gatti bianchi), come ad esempio quelle che hanno pochissimo pelo, come la punta del muso e le orecchie.

E se la tua amata palla di pelo ha un’allergia ai pollini, l’olio di cocco può aiutare a prevenire o a lenire le irritazioni della pelle.

Molte persone usano il burro di cocco perché è ottimo in caso di pelle secca e lo stesso vale per i gatti.

Strofinando delicatamente un po’ di olio di cocco sulla pelle del tuo amico peloso, la aiuterai a rimanere idratata e a prevenire la desquamazione, oltre a rendere anche il pelo più liscio e lucido. Fai solo attenzione a non esagerare o il tuo micio assomiglierà ad una salsiccia marinata.

Strofinare un po’ di olio di cocco sulla pelle e sul pelo del tuo gatto sarà anche sgradito ai parassiti come pulci e zecche. Se il tuo gatto è abituato ad uscire, puoi provare e vedere se il tuo amico avrà meno ospiti non invitati nel pelo. 

Ancora una volta, se il tuo amico è in sovrappeso, tieni presente che è ricco di calorie e, quando il tuo gatto leccherà l’olio di cocco che applichi sulla pelle, non lo aiuterà a perdere peso.

Olio di cocco e benessere intestinale

A volte, proprio come noi, i gatti non riescono a fare la cacca. 

I segni rivelatori possono essere cacche piccole e dure come ciottoli nella lettiera, a volte persino macchiati di sangue dallo sforzo. Ci sono cose che puoi aggiungere al cibo del tuo gatto come aiuto per la sua stitichezza come la zucca, o il succo di aloe vera, oltre ovviamente all’olio di cocco. 

Tornando alle premesse sul cibo: ricordi che il cibo per gatti idealmente dovrebbe essere umido all’80%? E che la maggior parte del cibo per gatti contiene solo il 15% di umidità?
Bene, questo potrebbe essere uno dei motivi per cui il tuo gatto è stitico.

Tuttavia, prima di riempire la ciotola del tuo gatto con un cucchiaiate di olio di cocco, tieni presente che se il suo sistema digestivo non è abituato, l’olio di cocco potrebbe causargli un attacco di dissenteria. 

Per questo motivo, inizia gradatamente e con poco. Dagli solo circa da ¼ a ½ cucchiaino una o due volte al giorno e non di più per iniziare

Il primo passo, quindi è di iniziare a offrire cibo umido al tuo amico.
Cibo umido pronto, bilanciato e adatto alla specie, o cibo crudo completamente bilanciato dal veterinario nutrizionista, dovrebbero aiutare a evitare che il problema si ripresenti. 

Prova a fare queste variazioni di dieta e a usare l’olio di cocco, probabilmente non servirà più alcun farmaco per la stitichezza, che oltretutto ha come effetto collaterale un pessimo effetto di assuefazione che nel tempo peggiora il problema.

Olio di cocco per gatti: altri usi

Altre prove hanno verificato che l’olio di cocco può: aumentare l’efficienza del sistema immunitario, facilitare la digestione e anche aiutare a eliminare il problema ogni gattino: i boli di pelo.

Come può l’olio di cocco neutralizzare i boli di pelo? Lubrificando il tratto gastrointestinale. 

Quindi, invece di rimanere bloccato, l’ammasso di pelo, ammorbidito dall’effetto dell’olio di cocco può spostarsi e venire espulso più facilmente. 

Anche se, per essere sinceri, anche altri oli possono avere lo stesso effetto, ma senza i benefici dell’olio di cocco.

Il burro di cocco ha effetti collaterali?

Ricordi i tre acidi grassi benefici nell’olio di cocco? Sono acido laurico, acido caprico e acido caprilico.

Quando digerito, l’acido laurico viene metabolizzato in monolaurina . La monolaurina è un altro tipo di acido grasso. Alcuni Studi dimostrano che l’acido laurico uccide i batteri nocivi e altri microbi pericolosi.

Tuttavia, se il tuo gatto è obeso o ha un’infiammazione del pancreas, evita di dargli da mangiare un eccesso di olio di cocco. E se vuoi applicare l’olio di cocco sulla pelle del tuo gatto, assicurarti che non lo lecchi.

Quale olio di cocco scegliere per il tuo quattrozampe?

Assicurati che sia un olio di cocco vergine o extra vergine, meglio se biologico.

Non usare mai un olio di cocco economico che sia stato raffinato o deodorato. 
Perché qualsiasi olio che sia stato elaborato può perdere proprio i componenti che lo rendono benefico e causare le infiammazioni che vogliamo prevenire.

L’olio di cocco va bene anche per i cani?

Bhe … nei cani funziona come per i gatti, inclusi benefici e cose a cui prestare attenzione.

Ma una cosa è importante per entrambi:
se il tuo gatto, o il tuo cane, ha qualche problema di salute, oppure preferisci verificare prima di provare chiedi al tuo veterinario nutrizionista. 

Se è esperto di nutrizione avrà certamente approfondito i benefici e le qualità salutari dell’olio di cocco in tutte le sue sfaccettature e potrà consigliarti al meglio!

OLIO di cocco e benefico per gatti e cani

L’olio di cocchio non è solo buono,
fa biene a me e anche ai miei a-MICI!
Ho 14 anni e sono in piena forma,
forse è anche merito
di questo
biurro !
😉

Parola di Lollipop


Immagini prese dalla rete e RIMOVIBILI su semplice richiesta

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Il Cibo della Salute di Silvia Petruzzelli.


AIUTACI A SOSTENERE QUESTO SITO!
Se acquisti ingredienti o libri o altro sul sito Macrolibrarsi, puoi inserie il codice partner 5496 (fase 4 del carrello), ricambiando la condivisione delle informazioni divulgate sul sito. Puoi così aiutarmi a sostenere le spese del blog.
GRAZIE!


HAI BISOGNO DI UNA CONSULENZA ALIMENTARE?
Puoi richiederla a questo link .