Grani Antichi e Pasta Madre
Proprietà virtù ricette - Conoscere la salute per conservarla
Seguimi su telegram: https://t.me/cibodellasalute




Gli ormoni tiroidei sono due:

  • Triiodotironina (T3), dove troviamo 3 atomi di iodio (oltre a due molecole di tirosina).
  • Tiroxina (T4), ove troviamo 4 atomi di iodio (oltre a due molecole di tirosina).

Da cui, l’importanza dello iodio nella propria alimentazione. Una carenza di questo minerale, determina ipotiroidismo primario, con bassi livelli di T4 (e quindi di T3).

La sintomatologia di un soggetto ipotiroideo è

  • Sensibilità al freddo. Gli ormoni tiroidei infatti hanno azione termogenetica (sono agenti disaccoppianti, quindi nella catena di trasporto degli elettroni, a livello mitocondriale, si ha consumo di calore)
  • Unghie e capelli fragili. Gli ormoni tiroidei infatti regolano la sintesi proteica.
  • Bradicardia. Gli ormoni tiroidei hanno effetto cronotropo positivo, ovvero aumentano la frequenza cardiaca
  • Anemia. Questo perché gli ormoni tiroidei favoriscono la formazione di globuli rossi

In soggetti con alti livelli di colesterolo LDL, è opportuno controllare il funzionamento della tiroide, un quanto ci potrebbe essere una correlazione con una condizione di ipotirpidismo.

Gli ormoni tiroidei sono importanti in particolare

  • per lo sviluppo fetale, soprattutto nei primi 3 mesi di gravidanza. Una condizione di ipotiroidismo (da parte della mamma) può compromettere lo sviluppo del Sistema Nervoso Centrale del feto
  • per l’accrescimento corporeo: in età infantile, una carenza può portare a nanismo o cretinismo (capacità mentali ridotte)

Da cui, l’importanza dello iodio. Ma non è l’unico minerale coinvolto nella sintesi degli ormoni tiroidei.

Tra i due ormoni precisiamo infatti che quello biologicamente più attivo è il T3, che di fatto viene prodotto per la maggior parte (circa 80%) a livello delle cellule bersaglio: questo avviene rimuovendo uno ione iodio dal T4 (ad opera di una deiodinasi). Tale conversione necessita del selenio.

Da cui, l’importanza del selenio.

Ma il selenio è importante non solo perché parte di questo processo di conversione T4 in T3, ma anche perché parte della glutatione perossidasi (enzima antiossidante). Durante la sintesi di ormoni toroidei infatti vengono prodotti ROS (Specie Reattive dell’Ossigeno).

Studi hanno dimostrato che bassi livelli ematici di selenio corrisponde un aumento dello stress ossidativo e del danno a livello del tessuto tiroideo, con riduzione della produzione degli ormoni tiroidei e conseguente ipotiroidismo.

Il selenio ha un ruolo anche nella tiroidite cronica autoimmune: studi condotti su pazienti affetti da tiroidite cronica autoimmune di Hashimoto hanno dimostrato che la supplementazione con selenio riduce i livelli di anticorpi antitiroide.

Frutta Secca Mista - Uva sultanina, Anacardi, Noci del Brasile, Mandorle, Nocciole, Mandorle


Immagini prese dalla rete e RIMOVIBILI su semplice richiesta

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Il Cibo della Salute di Silvia Petruzzelli.


TI VA DI AIUTARMI A SOSTENERE QUESTO SITO?
Se acquisti ingredienti o libri o altro sul sito Macrolibrarsi, puoi inserie il codice partner 5496 (fase 4 del carrello), ricambiando la condivisione delle informazioni divulgate sul sito. In questo modo, puoi aiutarmi a sostenere le spese del blog.
GRAZIE!


HAI BISOGNO DI UNA CONSULENZA ALIMENTARE?
Puoi richiederla a questo link .