Grani Antichi e Pasta Madre
Proprietà virtù ricette - Conoscere la salute per conservarla
Seguimi su telegram: https://t.me/cibodellasalute




Vitamina: il nome deriva dal latino e significa amina di vita.

Le vitamine sono molecole organiche necessarie per molte funzioni biologiche. Il nostro organismo non è in grado di sintetizzarle, per cui devono essere assunte attraverso la nostra alimentazione.

Assenza o  carenza di vitamine può originare situazioni patologiche. Possiamo citare ad esempio:

  • la pellagra causata da carenza o mancanza di assorbimento di niacina o  vitamina PP o vitamina B3. La pellagra potrebbe essere causata da scarso assorbimento di triptofano (precursore della niacina, oltre che della serotonina – regolatore del tono dell’umore e del sonno – e della melatonina), ad esempio nei contadini che mangiavano polenta di mais (cereale povero di triptofano e niacina).
  • lo scorbuto, lo dice la parola stessa: causato da una carenza di acido ascorbico (o Vitamina C).
  • il beriberi, causata da una carenza di vitamina B1, o tiamina (necessaria alla conversione del glucosio in energia). Questo problema si verifica soprattutto nelle popolazioni orientali che mangiano riso brillato (a differenza di un tempo quando il riso era consumato non industrialmente raffinato). La Vitamina B1 infatti è presente nel riso integrale.

Potrebbe accadere che non si assumano a sufficienza attraverso la dieta (come accade ad esempio nel caso della B12 nel momento in cui si eliminano i cibi di origine animale, fonte di questa vitamina). O potrebbe  accadere che, pur assumendo queste vitamine nella nostra alimentazione, possano comunque presentarsi degli stati di carenza. Ciò potrebbe derivare ad esempio da condizioni di disbiosi intestinale che causa un alterato assorbimento, dall’assunzione di farmaci che interferiscono con il metabolismo delle stesse.

Le vitamine si suddividono in

Possiamo inoltre classificarle in vitamine

  • più Yin
  • più Yang

Vitamina C, la Vitamina più Yin

La Vitamina C è molto importante: è infatti presente in maniera sufficiente nel latte materno mentre carente in quello vaccino). Partecipa alla riduzione di metalli, come il ferro ed il rame. Ad esempio, nella biosintesi del collagene.  Atri ruoli si riferiscono al metabolismo del ferro (facilitandone l’assorbimento intestinale) e l’eliminazione di radicali liberi che si formano nell’organismo.

Abbiamo visto che i radicali liberi sono sostanze di “scarto” che si formano naturalmente all’interno delle cellule del corpo quando l’ossigeno viene utilizzato nei processi metabolici per produrre energia (ossidazione) e, se in eccesso, potrebbero danneggiare il DNA.

Ma, cosa succede se assumiamo vitamina C in eccesso? La vitamina C, abbiamo visto, è un antiossidante e riduce i radicali liberi. Ma se in eccesso,  In concentrazioni elevate funzionare da agente pro-ossidante, formando radicali liberi, con conseguente stress ossidativo.

Ecco che anche la macrobiotica ci suggerisce di non esagerare. Se poco fa bene, tanto non fa meglio e si può correre il rischio  di raffreddarci eccessivamente, favorire fenomeni di espansione, indebolirci.

Vitamina D, la Vitamina più Yang

La Vitamina D riveste un ruolo molto importante nel metabolismo del calcio, facilitandone l’assorbimento a livello intestinale. La sua mancanza può causare una insufficiente deposizione di calcio nelle ossa, con rachitismo nei bambini, indebolimento osseo negli adulti. La vitamina D viene prevalentemente dal sole: può essere sintetizzata a livello cutaneo, in seguito all’esposizione solare (con produzione di vitamina D3).

Le nostre ossa sono la nostra struttura portante, la nostra componente Yang. Ma cosa succede se si assume Vitamina D in quantità eccessive? Si verifica un indurimento (yang) generale: calcificazione dei tessuti non ossei (indurimento anche dei vasi sanguigni), formazione di calcoli renali.

Come sempre, dunque l’equilibrio è alla base. Se mangiamo in modo equilibrato, seguendo i ritmi della natura, non dimenticando di nutrirci anche di luce del sole, troveremo un giusto equilibrio tra yin e yang.

(Immagine tratta da “Il grande libro dell’Ecodieta” di Carlo Guglielmo)



Immagini prese dalla rete e RIMOVIBILI su semplice richiesta

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Il Cibo della Salute di Silvia Petruzzelli.


TI VA DI AIUTARMI A SOSTENERE QUESTO SITO?
Se acquisti ingredienti o libri o altro sul sito Macrolibrarsi, puoi inserie il codice partner 5496 (fase 4 del carrello), ricambiando la condivisione delle informazioni divulgate sul sito. In questo modo, puoi aiutarmi a sostenere le spese del blog.
GRAZIE!


HAI BISOGNO DI UNA CONSULENZA ALIMENTARE?
Puoi richiederla a questo link .