Grani Antichi e Pasta Madre
Proprietà virtù ricette - Conoscere la salute per conservarla
Seguimi su telegram: https://t.me/cibodellasalute



Conoscete il kuzu?
Si tratta della radice della Pueraria lobata, una pianta selvatica rampicante appartenente alla famiglia delle leguminose, originaria del Giappone, con una qualità Yang molto interessante: ha la proprietà di portare in profondità l’effetto dell’ingrediente a cui è abbinato.

Ha proprietà lenitive e antinfiammatorie nei confronti della mucosa: queste sono dovute alla presenza al suo interno di isoflavoni, appartenenti alla categoria dei fitoestrogeni (i fitoestrogeni sono sostanze di origine vegetale, simili agli estrogeni prodotti dall’organismo).

La genisteina, il principale isoflavone contenuto anche nella soia, si è dimostrata efficace nell’inibire la crescita delle cellule tumorali attraverso la modulazione dei geni correlati al controllo omeostatico del ciclo cellulare e dell’apoptosi (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12549765).

Dunque, come nel caso della soia, non è un problema assumerlo per le donne con carcinoma mammario. Anzi, è verosimilmente protettivo.

Studi dimostrano che l’estratto di radice di kuzu, e il suo principale isoflavone (puerarina), migliorano il metabolismo del glucosio (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5330362/)

E’ utile in caso di raffreddori, febbre, problemi digestivi, problemi intestinali cronici. Utile anche in caso di diarrea: il kuzu ha la proprietà di irrobustire le pareti dell’intestino.

Indicato anche nel trattamento di malattie cardiovascolari e cerebrovascolari, diabete e complicanze diabetiche, osteonecrosi, morbo di Parkinson (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24339367)

Si prepara sciogliendolo (ad esempio 1 cucchiaino) prima in acqua fredda (è importante la bassa temperatura dell’acqua per evitare che si formino grumi), poi riscaldandolo per qualche minuto, mescolando.

Ritrovate questo articolo nel libro Medicina da Mangiare.



Immagini prese dalla rete e RIMOVIBILI su semplice richiesta

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Il Cibo della Salute di Silvia Petruzzelli.


AIUTACI A SOSTENERE QUESTO SITO!
Se acquisti ingredienti o libri o altro sul sito Macrolibrarsi, puoi inserie il codice partner 5496 (fase 4 del carrello), ricambiando la condivisione delle informazioni divulgate sul sito. Puoi così aiutarmi a sostenere le spese del blog.
GRAZIE!


HAI BISOGNO DI UNA CONSULENZA ALIMENTARE?
Puoi richiederla a questo link .