La mia idea di vita è la sobrietà. Concetto ben diverso da austerità, termine che avete prostituito in Europa, tagliando tutto e lasciando la gente senza lavoro. Io consumo il necessario ma non accetto lo spreco. Perché quando compro qualcosa non la compro con i soldi, ma con il tempo della mia vita che è servito per guadagnarli.

E il tempo della vita è un bene nei confronti del quale bisogna essere avari. Bisogna conservarlo per le cose che ci piacciono e ci motivano. Questo tempo per se stessi io lo chiamo libertà.

E se vuoi essere libero devi essere sobrio nei consumi. L’alternativa è farti schiavizzare dal lavoro per permetterti consumi cospicui, che però ti tolgono il tempo per vivere […] d’altronde chi non è felice con poco non sarà felice con nulla.”

José Mujica

Austerità o Sobrietà?

Cambiare da una vita  “senza tempo”, finalizzata all’accumulo di materia, verso una vita che ci offre libertà.E per essere liberi è necessario essere sobri nei consumi.

All’inizio, in effetti, non è facile. Poi, pian piano, ci si rende conto che gran parte di ciò che abbiamo, in realtà, non ci serve. Spesso compriamo oggetti che poi ci rendiamo conto essere completamente inutili.
Con il tempo si impara ad apprezzare l’essenziale.

Mi piace questa parola sobrietà.
Che ben si distingue dalla voglia di apparire. Da questa forma di fanatismo che ci impone la società. Questo perché veniamo “giudicati” in base a ciò che abbiamo o come appariamo, piuttosto che in base a ciò che realmente siamo.

La sobrietà vuol dire anche rispetto. Evitando gli sprechi. Rispetto per noi stessi e per glia altri.
Rispetto per questo pianeta che ci ospita e ci dona la Vita.

Essere o apparire?

La società odierna è governata principalmente dalla materia. Viviamo in un mondo più orientato all’aspetto dell’avere, del fare (Yang), che a quello dell’essere (Yin).
Farò un mestiere che mi permetterà di AVERE successo, di GUADAGNARE tanti soldi: è questo, in genere, il desiderio di molti (un tempo, probabilmente anche il mio).

Siamo sicuri che sia quello per cui siamo stati creati?
Siamo sicuri che la nostra vita si debba ridurre a diventare una business/money machine?

E’ vero: vivere senza soldi oggigiorno è difficile; ma non dimentichiamo che questi sono puramente funzionali: non dovrebbero essere il fine della nostra esistenza. Probabilmente il fine è un altro. E, spesso, lo dimentichiamo.

Difficile staccarsi dalla materia.
Guardare all’aspetto spirituale per qualcuno può essere interpretato come una debolezza. Effettivamente è qualcosa di più Yin, più gentile, femminile. In contrapposizione alla materia, più Yang, che, se estrema, ci porta a violenza, aggressività, crudeltà. Ed è quello che accade oggi.

Un mondo dominato dalla materia, un’alimentazione molto ricca di estremi, ci crea squilibrio (nel corpo, nella mente e nello spirito), ci fa perdere l’alternarsi delle due qualità energetiche che, se in equilibrio, potrebbero portarci sulla via della salute e della felicità.

Molto importante è il nostro cibo che, se bilanciato e in armonia con la natura, renderà più leggero anche il nostro cuore e il nostro spirito.



Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Il Cibo della Salute di Silvia Petruzzelli.

Dopo una pluriennale esperienza in aziende multinazionali, decido di cambiare vita per ritrovare me stessa. Lascio la carriera per tornare alla natura, ad una vita semplice. Intraprendo quindi gli studi di Naturopatia. Affascinata dalla Medicina Tradizionale Cinese, proseguo con il percorso di Shiatsu, approfondendo successivamente i principi energetici del cibo attraverso lo studio e la pratica dell’Alimentazione Naturale Macrobiotica, in Italia e all'estero. Per migliorare le tecniche di cucina, seguo i corsi di Alta Cucina Naturale presso il Joia Academy, fondata dal maestro Pietro Leemann. Coautrice dei libri Il Cibo della Gratitudine, ho collaborato alla stesura del libro Medicina da Mangiare di Franco Berrino, curando la parte relativa alla prevenzione e contribuendo con numerose ricette di “Cibo Medicina”. Ho fondato questo blog http://www.ilcibodellasalute.com allo scopo di divulgare uno stile di vita sano, consapevole e sostenibile. Cuoca (insieme a mio marito Claudio Grazioli) e Docente di Alimentare Naturale Macrobiotica e MTC presso l'Associazione Chicco di Riso, gestisco (insieme a Claudio) il B&B Il B&B Il Melograno Nano, a Barga (LU). Conduco corsi teorici e pratici su tutto il territorio nazionale (e anche all'estero), fornendo suggerimenti e ricette sull'alimentazione, allo scopo di sensibilizzazione e promuovere la cultura del cibo sano e della sostenibilità ambientale. Cerco di approfondire costantemente le tematiche dell'alimentazione, attraverso lo studio di Alimentazione e Gastronomia (a livello universitario: sto studiando per diventare anche Nutrizionista) e Alimentazione Energetica (Dietetica in Medicina Tradizionale Cinese). Il mio sogno? Poterci avviare verso una Consapevolezza, ovvero la via per ritrovare noi stessi, per vivere in armonia con la natura, imparando ad essere artefici della nostra vita e del nostro destino. Per essere in salute, liberi, felici.