Basterebbe tornare a mangiare sano. Cibo vero, non trasformato, meno prodotti animali, più verdure. Meno zucchero, ma senza sostituirlo con il fruttosio (che non fa rima con la frutta)!

Basterebbe veramente poco. Ma chi è disposto a cambiare?
Ed è così che si è alla ricerca di rimedi magici… miracolosi. Il risultato? Spesso drammatico.

Ecco perché è così importante riuscire ad essere realmente consapevoli. Eviteremo di farci manipolare.
Torneremo ad essere padroni della nostra vita

Oramai le diete stanno diventando sempre più una moda. A periodi abbiamo la moda dell’iperproteica, del gruppo sanguigno, del “Dio ci salvi dall’acido”… Il più è frutto di elucubrazioni. E spesso conducono ad ossessione… (In Medicina Tradizionale Cinese si può parlare di squilibri di Terra)…

Un po’ come se un giorno il leone si svegliasse e decidesse di controllarsi il pH delle urine per verificare se quello che ha sempre mangiato (seguendo il suo istinto innato) sia adatto a lui. O se le normali funzioni intestinali in dotazione non fossero sufficienti. Perché la natura non è saggia quanto l’uomo ce ha inventato l’idrocolon terapia.
Ma non sarà mica per il cibo sterile che oggi ci sono tanti problemi con la 💩?

Eppure l’essere umano ha da sempre saputo cosa mangiare. L’ha saputo quando c’era meno informazione. E la cosa assurda è che non lo sa più ora che l’informazione è maggiormente disponibile.

Andiamo a chiedere al popolo di Okinawa (uno dei più longevi) cosa mangia. Se per vivere felici (e longevi in salute) possa essere di aiuto mangiare secondo natura, in sintonia con le stagioni, cibo non industrialmente trasformato, cibo prevalentemente vegetale, ma non esclusivamente (visto che mangiano anche pesce).

Chiediamogli piuttosto se si ascoltano. Il che permette loro di incontrare una dimensione che va oltre la materia e che permette di cogliere l’essenza delle cose.

Chiediamoci cosa è che oggi ci allontana da questo. Dal riprendere il contatto con noi stessi. Quello stesso contatto che ci riporterebbe ad essere felici. Che ci permetterebbe di vivere la NOSTRA VITA. E non quella che ci viene imposta dall’esterno.

Si vero. Il cibo è fortemente legato alle nostre emozioni. Spesso ci rifugiamo in esso cibo anche per colmare lacune più profonde. C’è un legame anche sentimentale: quante volte una determinata preparazione ci porta a rievocare momenti del passato?

Ma ciò che è assurdo è pensare quanto sia cambiato il nostro modo di mangiare nel giro di pochi decenni. Se pensiamo a ciò che mangiavano i nostri nonni, ciò che si mangia oggi è veramente lontano anni luce.

Ecco che l’industria è stata molto brava a farci cambiare.
Ha giocato molto sugli archetipi dell’inconscio collettivo.
Ha giocato sui nostri bisogni e sulle nostre emozioni.

E continua a farlo. E noi continuiamo a fare scelte che non sono nostre. Ma sono scelte pilotate.

Non siamo più liberi. Non siamo più noi stessi.
Alla fine viviamo anche una vita che non è neppure la nostra. Siamo frustrati, ci sentiamo oppressi. E poi pensiamo di risolvere tutto con la Nutella… E… of course… qualche pillolina. Che insieme allo zucchero va giù che è una meraviglia!

Ascoltiamoci di più. Vivremo decisamente meglio.
Perché salute spesso fa rima con felicità e serenità di animo…
E per trovarla non possiamo precludere dal ritrovare noi stessi…

Per un percorso di cambiamento, potete unirvi al gruppo Ricette di Cucina Consapevole



Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Il Cibo della Salute di Silvia Petruzzelli.

Dopo una pluriennale esperienza in aziende multinazionali, decido di cambiare vita per ritrovare me stessa. Lascio la carriera per tornare alla natura, ad una vita semplice. Intraprendo quindi gli studi di Naturopatia. Affascinata dalla Medicina Tradizionale Cinese, proseguo con il percorso di Shiatsu, approfondendo successivamente i principi energetici del cibo attraverso lo studio e la pratica dell’Alimentazione Naturale Macrobiotica, in Italia e all'estero. Per migliorare le tecniche di cucina, seguo i corsi di Alta Cucina Naturale presso il Joia Academy, fondata dal maestro Pietro Leemann. Coautrice dei libri Il Cibo della Gratitudine, ho collaborato alla stesura del libro Medicina da Mangiare di Franco Berrino, curando la parte relativa alla prevenzione e contribuendo con numerose ricette di “Cibo Medicina”. Ho fondato questo blog http://www.ilcibodellasalute.com allo scopo di divulgare uno stile di vita sano, consapevole e sostenibile. Esperta di cucina macro-mediterranea, cucino (insieme a mio marito Claudio Grazioli) ed offro supporto per chi voglia migliorare il proprio benessere attraverso l'alimentazione. Sono Docente di Alimentare Naturale Macrobiotica e MTC presso l'Associazione Chicco di Riso, gestisco (insieme a Claudio) il B&B biologico Il Melograno Nano, a Barga (LU). Conduco corsi teorici e pratici su tutto il territorio nazionale (e anche all'estero), fornendo suggerimenti e ricette sull'alimentazione, divulgando uno stile di vita sano e gustoso, allo scopo di sensibilizzare e promuovere la cultura del cibo sano e della sostenibilità ambientale. Cerco di approfondire costantemente le tematiche dell'alimentazione, attraverso lo studio di Alimentazione e Gastronomia (a livello universitario) e Alimentazione Energetica (Dietetica in Medicina Tradizionale Cinese). Il mio sogno? Poterci avviare verso una Consapevolezza, ovvero la via per ritrovare noi stessi, per vivere in armonia con la natura, imparando ad essere artefici della nostra vita e del nostro destino. Per essere in salute, liberi, felici.