“Ora, o contadino, le tue castagne seccate le prenda il mulino,
e tu, mugnaio, frangile con le tue macine; prendi sassi e dacci farina…”
Giovanni Pascoli

E con la farina di castagne, essiccata nel metato, prepariamo il castagnaccio!

Ingredienti

  • 750ml acqua
  • 500 gr farina di castagne
  • 100 gr pinoli
  • 100 gr noci
  • buccia di arancia
  • 1 manciata rosmarino
  • pizzico sale marino integrale
  • 6 Cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 50 gr di uvetta

Procedimento

Mettere l’uvetta a mollo in acqua tiepida per farla rinvenire.
In una ciotola setacciare la farina di castagne per rimuovere eventuali grumi. Aggiungere un pizzico di sale. Versarvi poco per volta l’acqua, mescolando il tutto con una frusta fino ad ottenere una pastella ben amalgamata e morbida.

Strizzare e asciugare l’uvetta e aggiungerla all’impasto, assieme ai pinoli e alle noci tritate grossolanamente (tenendo da parte un piccolo quantitativo di pinoli e noci che utilizzeremo per decorare il castagnaccio prima di infornarlo) e agli altri ingredienti.

Versare il composto in una teglia bassa (spennellata con un po’ di olio), fino a raggiungere circa 1 cm di altezza. Quindi, cospargere con le noci e i pinoli messi da parte e con qualche ago di rosmarino fresco.

Infornare per 30 minuti a 200°C (forno preriscaldato) fino a che si saranno formare delle crepe  e la frutta secca sia diventata dorata.



Immagini prese dalla rete e RIMOVIBILI su semplice richiesta

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Il Cibo della Salute di Silvia Petruzzelli.

Dopo una prima laurea in Scienze dell’Informazione e dopo una pluriennale esperienza in aziende multinazionali, decide di cambiare vita per ritrovare se stessa. Intraprende quindi gli studi di Naturopatia. Affascinata dalla Medicina Tradizionale Cinese, proseguo con il percorso di Shiatsu, approfondendo i principi energetici del cibo attraverso lo studio e la pratica dell’Alimentazione Naturale Macrobiotica. Fonda il sito IlCibodellaSalute.com, allo scopo di divulgare uno stile di vita sano, consapevole e sostenibile. Segue i corsi di Alta Cucina Naturale presso il Joia Academy, fondata dal maestro Pietro Leemann. Consegue una seconda laurea in Scienze dell’Alimentazione e Gastronomia. Coautrice dei libri Il Cibo della Gratitudine, ha collaborato alla stesura del libro Medicina da Mangiare di Franco Berrino, curando la parte relativa alla prevenzione e contribuendo con numerose ricette di “Cibo Medicina”. Gestisce il B&B il Melograno Nano, a Barga (LU). Conduce corsi teorici e pratici di cucina e alimentazione.