«Vedete», diceva Burkitt, «se fate cacche piccole avete bisogno di ospedali grandi». Negli ultimi vent’anni i grandi studi prospettici che seguono centinaia di migliaia di persone di cui si conoscono le abitudini alimentari hanno dimostrato che l’ipotesi di Burkitt era corretta: chi ha una dieta ricca di fibre si ammala meno di malattie dell’apparato digerente, di tumori intestinali, ma non solo: si ammala meno di cancro in generale, di diabete, di infarto, di malattie respiratorie e anche di malattie infettive.

Il consumo di fibre in generale, e di fibre di cereali in particolare, è associato a una migliore funzione intestinale, quindi, a un più efficiente sistema immunitario, a una riduzione dello stato infiammatorio cronico, a una glicemia più bassa e a un minor rischio di obesità addominale.

A meno che si stia facendo chemioterapia o che l’intestino sia molto infiammato, la stitichezza si cura con cibi ricchi di fibre (cereali integrali, legumi, verdure).

Tratto da Medicina da Mangiare, di Franco Berrino



Immagini prese dalla rete e RIMOVIBILI su semplice richiesta

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Il Cibo della Salute di Silvia Petruzzelli.

Dopo una prima laurea in Scienze dell’Informazione e dopo una pluriennale esperienza in aziende multinazionali, decide di cambiare vita per ritrovare se stessa. Intraprende quindi gli studi di Naturopatia. Affascinata dalla Medicina Tradizionale Cinese, proseguo con il percorso di Shiatsu, approfondendo i principi energetici del cibo attraverso lo studio e la pratica dell’Alimentazione Naturale Macrobiotica. Fonda il sito IlCibodellaSalute.com, allo scopo di divulgare uno stile di vita sano, consapevole e sostenibile. Segue i corsi di Alta Cucina Naturale presso il Joia Academy, fondata dal maestro Pietro Leemann. Consegue una seconda laurea in Scienze dell’Alimentazione e Gastronomia. Coautrice dei libri Il Cibo della Gratitudine, ha collaborato alla stesura del libro Medicina da Mangiare di Franco Berrino, curando la parte relativa alla prevenzione e contribuendo con numerose ricette di “Cibo Medicina”. Gestisce il B&B il Melograno Nano, a Barga (LU). Conduce corsi teorici e pratici di cucina e alimentazione.