Si stima che oltre la metà dei casi di cancro siano prevenibili.
La genetica è una predisposizione… ma non determina il nostro DESTINO.

Salute o malattia? Dipenderà anche (e soprattutto) dalle nostre scelte, che si ripercuotono, inevitabilmente, anche sulla società e sull’ambiente.

Oggi infatti sappiamo che l’EPIGENETICA ci parla di modifiche nell’espressione di geni.
Il DNA contiene un milione di interruttori che possono accendere e spegnere i nostri geni e modificarne l’azione; su questi interruttori possiamo agire attraverso il nostro stile di vita. Quindi, cibo sano e biologico, attività fisica, mente serena.

Studi sulle varie patologie comparse negli ultimi cinquanta anni hanno messo in evidenza l’importanza della nostra alimentazione e l’interazione tra cibo e DNA: ciò che portiamo a tavola può influenzare il rischio di sviluppare malattie.

Queste modifiche possono derivare anche dai processi infiammatori causati da una alimentazione inadeguata.
Un esempio è l’incremento dei casi di patologie autoimmuni come ad esempio la celiachia, a seguito di una risposta infiammatoria, con alla base un fattore comune: PERMEABILITA’ INTESTINALE.

Le malattie nascono nell’intestino, come ci ricorda Ippocrate.
Sono dovute ad una condizione di DISBIOSI, ovvero alterazione del Microbiota, conseguenza di un insano regime alimentare (1). Oltre che ad un uso oramai indiscriminato di antibiotici (2).

La Dieta Mediterranea si conferma ancora una volta protettiva nei confronti di vari tipi di cancro, oltre che di patologie cardiovascolari, obesità e invecchiamento.

(1) Yee Kwan Chan, Mehrbod Estaki e Deanna L. Gibson, Clinical consequences of diet-induced dysbiosis, in Ann. Nutr. Metab., vol. 63, suppl2, 2013, pp. 28–40, DOI:10.1159/000354902, PMID 24217034.
(2) Jason A. Hawrelak e Stephen P. Myers, The causes of intestinal dysbiosis: a review (PDF), in Alternative medicine review, vol. 9, nº 2, 2004, pp. 180–97, PMID 15253677.



Immagini prese dalla rete e RIMOVIBILI su semplice richiesta

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Il Cibo della Salute di Silvia Petruzzelli.

Dopo una prima laurea in Scienze dell’Informazione e dopo una pluriennale esperienza in aziende multinazionali, decide di cambiare vita per ritrovare se stessa. Intraprende quindi gli studi di Naturopatia. Affascinata dalla Medicina Tradizionale Cinese, proseguo con il percorso di Shiatsu, approfondendo i principi energetici del cibo attraverso lo studio e la pratica dell’Alimentazione Naturale Macrobiotica. Fonda il sito IlCibodellaSalute.com, allo scopo di divulgare uno stile di vita sano, consapevole e sostenibile. Segue i corsi di Alta Cucina Naturale presso il Joia Academy, fondata dal maestro Pietro Leemann. Consegue una seconda laurea in Scienze dell’Alimentazione e Gastronomia. Coautrice dei libri Il Cibo della Gratitudine, ha collaborato alla stesura del libro Medicina da Mangiare di Franco Berrino, curando la parte relativa alla prevenzione e contribuendo con numerose ricette di “Cibo Medicina”. Gestisce il B&B il Melograno Nano, a Barga (LU). Conduce corsi teorici e pratici di cucina e alimentazione.