Cibo e Salute: esiste una correlazione?
Secondo il WCRF, il Fondo Mondiale per la Ricerca sul Cancro “La dieta è la variabile più potente nell’influenzare, nel bene e nel male, lo stato di salute.”

Possiamo quindi fare qualcosa per migliorare la nostra salute?
A volte pensiamo di non poter far nulla le cose ci “capitano” … i virus si “attaccano”… le malattie “vengono”.
Soffriamo di allergia? La colpa è del polline?
Ci siamo mai chiesti perché ci ammaliamo? Non siamo forse noi che contribuiamo, attraverso le nostre scelte, a nutrire la malattia?

C’è stato fatto un tale lavaggio del cervello che pensiamo che sia normale essere infelici e malati.

Per migliorare la nostra salute sarebbe sufficiente partire dal nostro cibo. La qualità del nostro corpo, della nostra mente, delle nostre emozioni dipende da ciò che introduciamo nel nostro corpo.
Ogni boccone che ingeriamo influenza e modifica la qualità del nostro sangue, delle nostre cellule, dei nostri organi, dei tessuti di tutto il corpo, compresi cervello e sistema nervoso, che a loro volta influenzano il nostro comportamento, le nostre emozioni, i nostri pensieri.

Noi siamo ciò che mangiamo! Quindi possiamo scegliere ciò che vogliamo diventare.

Colin Campbell, autore di The China Study (lo studio più completo sull’alimentazione) afferma che “Essere in buona salute significa essere in grado di godere appieno del tempo a nostra disposizione. Significa essere al massimo dell’operatività per tutto l’arco della vita, ed evitare lunghe e dolorose battaglie invalidanti con la malattia: ci sono modi più auspicabili di morire e di vivere”.

Dunque, perché continuare a farci del male, quando basterebbe poco per riprendere in mano la nostra vita e diventare artefici della nostra salute? Certo, questo comporta un cambiamento e non sempre si è pronti a farlo. Il cambiamento richiede consapevolezza e presa di coscienza. E uscire dalla nostra routine quotidiana, a volte, ci fa paura.
In questo mondo basato su ritmi frenetici e innaturali pensiamo che sia normale essere malati e che per guarire (in fretta) basti prendere una pillola. Ma non è così!

Quello che non sappiamo è che il corpo non lavora mai contro se stesso e che ogni sintomo è un tentativo per creare equilibrio, eliminare gli eccessi, trovare una soluzione. Ogni malattia è un segnale, un messaggio che il nostro corpo ci invia per indicarci che c’è qualcosa che non va: ci viene richiesto un cambiamento. Se noi soffochiamo questi sintomi e non ci ascoltiamo, il nostro corpo cercherà di inviarci messaggi ancora più forti per manifestare il proprio disagio ed essere ascoltato.

Ippocrate, padre della medicina affermava: “Se vuoi la salute, sopprimi le cause della tua malattia, smettendo con le abitudini errate.” Le abitudini alimentari e lo stile di vita (innaturale) sono la causa principale degli odierni problemi di salute. Un’alimentazione ricca di grassi, zucchero, carica di additivi chimici e con poco cibo vegetale.

Oggi si mangia cibo raffinato, fuori stagione (i pomodori in inverno non crescono nell’orto!), non del nostro clima (prodotti tropicali), troppo cibo animale: questo si riflette non solo sulla nostra salute (obesità, ipertensione arteriosa, osteoporosi,…), ma anche su quella del pianeta (trasporto, uso di conservanti, pesticidi, emissioni di gas serra,…).

Quando la maggior parte di noi si siede a tavola, non sa fondamentalmente di cosa si stia nutrendo, cosa stia mangiando e, soprattutto, come e quanto questo possa ripercuotersi sul nostro corpo, sulla nostra mente e sull’ambiente: perché ciò che danneggia noi danneggia il pianeta e viceversa!

E allora cosa mangiare? Basterebbe ritornare a mangiare come si facevo un tempo, basando la propria alimentazione su cereali integrali (possibilmente in chicco), verdure di stagione (non amidacee) e legumi.

Queste sono le raccomandazioni del WCRF (Fondo Mondiale per la Ricerca sul Cancro) e della Macrobiotica, l’arte della grande vita. In questo modo potremo diventare consapevoli degli effetti del cibo sul nostro corpo e sulla nostra mente. Potremo scoprire chi siamo e cosa vogliamo diventare.

Potremo essere liberi e felici, se solo se scegliessimo di amarci!

Per contribuire alla diffusione di uno stile di vita sano e sostenibile, l’associazione Chicco di Riso (www.chiccodiriso.com) organizza corsi e incontri divulgativi.

Silvia Petruzzelli



Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Il Cibo della Salute di Silvia Petruzzelli.

Dopo una pluriennale esperienza in aziende multinazionali, decido di cambiare vita per ritrovare me stessa. Lascio la carriera per tornare alla natura, ad una vita semplice. Intraprendo quindi gli studi di Naturopatia. Affascinata dalla Medicina Tradizionale Cinese, proseguo con il percorso di Shiatsu, approfondendo successivamente i principi energetici del cibo attraverso lo studio e la pratica dell’Alimentazione Naturale Macrobiotica, in Italia e all'estero. Per migliorare le tecniche di cucina, seguo i corsi di Alta Cucina Naturale presso il Joia Academy, fondata dal maestro Pietro Leemann. Coautrice dei libri Il Cibo della Gratitudine, ho collaborato alla stesura del libro Medicina da Mangiare di Franco Berrino, curando la parte relativa alla prevenzione e contribuendo con numerose ricette di “Cibo Medicina”. Ho fondato questo blog http://www.ilcibodellasalute.com allo scopo di divulgare uno stile di vita sano, consapevole e sostenibile. Cuoca (insieme a mio marito Claudio Grazioli) e Docente di Alimentare Naturale Macrobiotica e MTC presso l'Associazione Chicco di Riso, gestisco (insieme a Claudio) il B&B Il B&B Il Melograno Nano, a Barga (LU). Conduco corsi teorici e pratici su tutto il territorio nazionale (e anche all'estero), fornendo suggerimenti e ricette sull'alimentazione, allo scopo di sensibilizzazione e promuovere la cultura del cibo sano e della sostenibilità ambientale. Cerco di approfondire costantemente le tematiche dell'alimentazione, attraverso lo studio di Alimentazione e Gastronomia (a livello universitario: sto studiando per diventare anche Nutrizionista) e Alimentazione Energetica (Dietetica in Medicina Tradizionale Cinese). Il mio sogno? Poterci avviare verso una Consapevolezza, ovvero la via per ritrovare noi stessi, per vivere in armonia con la natura, imparando ad essere artefici della nostra vita e del nostro destino. Per essere in salute, liberi, felici.