Che differenza c’è tra malto e sciroppo di cereali? Spesso sento dire che sono la stessa cosa, ma non è così.

Sono prodotti con metodiche differenti. Tra i due cambia anche l’indice glicemico: lo sciroppo di cereali avrà un indice glicemico più alto del malto.

E’ semplice riconoscerli: lo sciroppo, oltre ad essere più dolce del malto, ha un colore più chiaro e una consistenza meno densa.

Malto di cereali

Il Malto di cereali può essere un’interessante alternativa allo zucchero (che, come abbiamo visto, sarebbe opportuno eliminare dalla nostra alimentazione), in quanto non contiene fruttosio. In ogni caso, il suo indice glicemico non è propriamente basso, quindi sarebbe bene usarlo con parsimonia e, per dolcificare preferire la frutta (come abbiamo visto già nelle alternative allo zucchero).

Secondo il metodo tradizionale, il malto si ottiene aggiungendo orzo germogliato al cereale cotto (riso, orzo, mais, grano). L’orzo germogliato infatti, sviluppa degli enzimi (amilasi) che attivano un processo molto simile a quello che avviene durante la digestione, che permettono di trasformare l’amido (polisaccaride composto da lunghe catene di glucosio legate tra loro) contenuto nei cereali in maltosio (disaccaride composto da due molecole di glucosio), ovvero zuccheri più semplici, quindi più dolci.

Possiamo verificarlo semplicemente in modo empirico: quando mastichiamo gli amidi il sapore dolce emerge gradualmente, man mano che l’enzima alfa-amilasi contenuto nella saliva li attacca; il maltosio e gli altri zuccheri semplici rilasciano invece immediatamente il gusto dolce, perché sono più facilmente digeribili e assimilabili.

Tutti i tipi di malto contengono orzo e quindi glutine, dunque non sono adatti ai celiaci.

Sciroppo di cereali

In commercio troviamo anche lo sciroppo di cereali (in particolare, di riso e di mais), la cui produzione sfrutta lo stesso principio del malto, ma, anziché partire dall’orzo germogliato, utilizza enzimi purificati (prodotti in laboratorio) che attiveranno la scissione dell’amido del cereale. Il risultato è un prodotto che ha un contenuto più alto di zuccheri semplici rispetto al malto, con conseguente innalzamento maggiore dell’indice glicemico, e un gusto più dolce.

Il vantaggio è che, essendo privo di orzo, se prodotto con riso o mais è senza glutine. Quindi, lo sciroppo di riso o di mais può essere utilizzato anche dai celiaci.

Consideriamo comunque che la celiachia è una condizione in cui l’organo milza-pancreas ha un deficit energetico. Per cui, l’utilizzo di prodotti ad alto indice glicemico potrebbe aggravarne la condizione.

Un rischio abbastanza concreto per  i celiaci è quello del diabete, come sta di fatto accadendo oggigiorno, grazie per l’appunto ad un indebolimento dell’organo e all’utilizzo dei prodotti gluten-free offerti dal mercato, spesso ad alto indice glicemico (con presenza di amido di mais, sciroppo di glucosio fruttosio da mais, fecola di patate, ecc) e con un alto contenuto di grassi, spesso di pessima qualità.

Bevande di cereali

Discorso analogo vale per le bevande vegetali a base di cereali. A meno che non vengano autoprodotte, solitamente viene usato l’enzima alfa-amilasi, ovvero quello utilizzato per la scissione degli amidi. In questo modo, le bevande risulteranno più dolci, ma avranno anche un indice glicemico più alto, in quanto più ricche di zuccheri semplici.

Quando usiamo malto o sciroppo o bevande di cereali, sarebbe bene abbinare un grasso di qualità (per esempio semi oleaginosi) per modulare l’impatto glicemico. Ottimo, per esempio, il malto (1 cucchiaino) mescolato a tahin (2 cucchiaini).

Ritrovate questo mio articolo nel libro Medicina da Mangiare.



Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Il Cibo della Salute di Silvia Petruzzelli.

Dopo una pluriennale esperienza in aziende multinazionali, decido di cambiare vita per ritrovare me stessa. Lascio la carriera per tornare alla natura, ad una vita semplice. Intraprendo quindi gli studi di Naturopatia. Affascinata dalla Medicina Tradizionale Cinese, proseguo con il percorso di Shiatsu, approfondendo successivamente i principi energetici del cibo attraverso lo studio e la pratica dell’Alimentazione Naturale Macrobiotica, in Italia e all'estero. Per migliorare le tecniche di cucina, seguo i corsi di Alta Cucina Naturale presso il Joia Academy, fondata dal maestro Pietro Leemann. Coautrice dei libri Il Cibo della Gratitudine e Medicina da Mangiare, ho collaborato alla stesura del libro Medicina da Mangiare di Franco Berrino, curando la parte relativa alla prevenzione e contribuendo con numerose ricette di “Cibo Medicina”. Ho fondato questo blog http://www.ilcibodellasalute.com allo scopo di divulgare uno stile di vita sano, consapevole e sostenibile. Cuoca (insieme a mio marito Claudio Grazioli) e Docente di Alimentare Naturale Macrobiotica e MTC presso l'Associazione Chicco di Riso, gestisco (insieme a Claudio) il B&B Il B&B Il Melograno Nano, a Barga (LU). Conduco corsi teorici e pratici su tutto il territorio nazionale (e anche all'estero), fornendo suggerimenti e ricette sull'alimentazione, allo scopo di sensibilizzazione e promuovere la cultura del cibo sano e della sostenibilità ambientale. Cerco di approfondire costantemente le tematiche dell'alimentazione, attraverso lo studio di Alimentazione e Gastronomia (a livello universitario: sto studiando per diventare anche Nutrizionista) e Alimentazione Energetica (Dietetica in Medicina Tradizionale Cinese). Il mio sogno? Poterci avviare verso una Consapevolezza, ovvero la via per ritrovare noi stessi, per vivere in armonia con la natura, imparando ad essere artefici della nostra vita e del nostro destino. Per essere in salute, liberi, felici.