Durante il basso Medioevo, a causa delle regole rigorose imposte dalla Chiesa, si prevedevano periodi di astinenza (anche di 100-150 giorni all’anno) dai prodotti animali.

Erano concessi, durante questi periodi, pesci e verdure in sostituzione della carne. Ciò fu visto come privazione. Per cui, nacque la tendenza ad emulare o contraffare i cibi che erano vietati. Non è forse un ripetersi della storia? Bistecche di seitan al posto di quelle di carne? Burger vegetali al posto di hamburger?

Rimane ancora oggi la cultura della privazione, ereditata dalla tradizione liturgica.

Eppure il cibo, l’atto del mangiare, non dovrebbe essere privazione, ma appagamento.

Tutto sarebbe diverso se riuscissimo a cogliere il senso profondo del cibarsi. Come nutrimento di corpo, mente e anima.



Immagini prese dalla rete e RIMOVIBILI su semplice richiesta

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Il Cibo della Salute di Silvia Petruzzelli.


AIUTACI A SOSTENERE QUESTO SITO!
Se acquisti ingredienti o libri o altro sul sito Macrolibrarsi, puoi inserie il codice partner 5496 (fase 4 del carrello), ricambiando la condivisione delle informazioni divulgate sul sito. Puoi così aiutarmi a sostenere le spese del blog.
GRAZIE!


HAI BISOGNO DI UNA CONSULENZA ALIMENTARE?
Puoi richiederla a questo link .