I grandi consumatori di biologico hanno un quarto delle possibilità di vedersi diagnosticare un cancro rispetto a chi ne consuma di meno.

Uno studio pubblicato su Jama Internal Medicine [*] ha seguito 70.000 persone per una media di quattro anni e mezzo, evidenziando il legame tra il consumo di cibo biologico e una riduzione del rischio di tumori.Secondo i dati, i grandi consumatori di biologico hanno un quarto delle possibilità di vedersi diagnosticare un cancro rispetto a chi ne consuma di meno. Le riduzioni maggiori si hanno per il linfoma (un rischio ridotto del 76%) e carcinoma mammario nelle donne in post-menopausa (riduzione del 34%). “Questo studio si aggiunge all’attuale corpo di prove a sostegno dei benefici per la salute derivanti dal consumo di alimenti più organici”, riporta Julia Baudry, del Centro di ricerca in Epidemiologia e Statistica della Sorbona a Parigi, e autrice principale dello studio.

[*] Baudry J. et al., Association of Frequency of Organic Food Consumption With Cancer Risk: Findings From the NutriNet-Santé Prospective Cohort Study, JAMA Intern. Med., 2018;178(12):1597-1606.



Immagini prese dalla rete e RIMOVIBILI su semplice richiesta

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Il Cibo della Salute di Silvia Petruzzelli.


AIUTACI A SOSTENERE QUESTO SITO!
Se acquisti ingredienti o libri o altro sul sito Macrolibrarsi, puoi inserie il codice partner 5496 (fase 4 del carrello), ricambiando la condivisione delle informazioni divulgate sul sito. Puoi così aiutarmi a sostenere le spese del blog.
GRAZIE!


HAI BISOGNO DI UNA CONSULENZA ALIMENTARE?
Puoi richiederla a questo link .