Conoscete i G.A.S. (Gruppi di Acquisto Solidali)? Potrebbero essere l’alternativa per un acquisto solidale.

Cos’è un G.A.S.? E’ un gruppo di persone che hanno deciso di incontrarsi per acquistare, all’ingrosso e direttamente dal produttore, prodotti alimentari o di uso comune, ridistribuendoli tra loro.

Dovrebbe essere un gruppo di persone che hanno scelto di essere consapevoli, che desiderano mangiare cose naturali, recuperando anche i sapori della tradizione. Persone che si chiedono cosa ci sia dietro al bene di consumo, verificando

  • il rispetto delle risorse naturali e delle persone impiegate. Partecipare ad un GAS vuol dire infatti sottrarsi alle logiche commerciali dei supermercati e dell’attuale modello economico che non sempre garantisce la tutela dei lavoratori, il rispetto della natura, delle tradizioni locali.
  • l’impatto sull’ambiente. Partecipare ad un GAS vuol dire ridurre l’inquinamento derivante dai trasporti, preferendo i prodotti locali.
  • l’impatto sulla salute. Partecipare ad un GAS vuol dire mangiare cose naturali (non trasformate industrialmente) e stagionali.

Il G.A.S. offre l’opportunità di entrare in contatto direttamente con il produttore, accorciando la filiera. Ecco perché può offrire anche un vantaggio economico.

Ma acquistare da un G.A.S. non è solo quello. Ciò che rende un Gruppo di Acquisto “Solidale” è proprio il criterio di scelta con cui vengono selezionati i produttori: piccoli, preferibilmente locali, che siano a loro volta in linea con i principi del Gruppo, ovvero etica, solidarietà, rispetto dell’ambiente, della salute, della vita.

Personalmente sono entrata in contatto con più Gruppi. La maggior parte perfettamente in linea con i principi di etica e solidarietà. Altri un po’ meno: semplicemente Gruppi di Acquisto.

Il G.A.S. dovrebbe essere un gruppo volto a diffondere consapevolezza. Ma non sempre accade questo. Mi ricordo ad uno dei primi incontri di un G.A.S., quando pronunciai la parola biologico: mi dissero che in un G.A.S. c’è un rapporto di fiducia coi piccoli produttori da cui ci si rifornisce. Dal mio punto di vista, la fiducia si basa anche sulla conoscenza. E purtroppo, a volte ci sono cose che si ignorano.

Così scoprii che c’erano

  • formaggi prodotti con latte proveniente da allevamenti intensivi, dove non vi è alcun rispetto per la vita, dove gli animali vengono trattati in maniera disumana, nutriti con mangimi OGM, dove l’etica è un termine senza significato. Gli stessi formaggi venduti anche al supermercato: però al G.A.S. veniva applicato uno sconto e quindi conveniva.
  • pane e biscotti con ingredienti del supermercato: farina00, zucchero, burro (quindi ottenuti con procedimenti di dubbia etica).
  • uova le cui galline vengono alimentate con mangimi di dubbia provenienza (molto probabilmente OGM).

La consapevolezza è un processo. E per farlo è necessario fare delle scelte e scegliere di sapere. Come ci ricorda Don Luigi Ciotti,  dovremmo essere eretici, “perché eresia dal greco significa scelta. Eretico è la persona che sceglie. L’eretico è colui che più della verità ama la ricerca della verità.”

E’ necessario chiedere, informarsi, senza timori. Anche a costo di essere considerati folli!

 

 

 



Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Il Cibo della Salute di Silvia Petruzzelli.

Dopo una pluriennale esperienza in aziende multinazionali, decido di cambiare vita per ritrovare me stessa. Lascio la carriera per tornare alla natura, ad una vita semplice. Intraprendo quindi gli studi di Naturopatia. Affascinata dalla Medicina Tradizionale Cinese, proseguo con il percorso di Shiatsu, approfondendo successivamente i principi energetici del cibo attraverso lo studio e la pratica dell’Alimentazione Naturale Macrobiotica, in Italia e all'estero. Per migliorare le tecniche di cucina, seguo i corsi di Alta Cucina Naturale presso il Joia Academy, fondata dal maestro Pietro Leemann. Coautrice dei libri Il Cibo della Gratitudine, ho collaborato alla stesura del libro Medicina da Mangiare di Franco Berrino, curando la parte relativa alla prevenzione e contribuendo con numerose ricette di “Cibo Medicina”. Ho fondato questo blog http://www.ilcibodellasalute.com allo scopo di divulgare uno stile di vita sano, consapevole e sostenibile. Cuoca (insieme a mio marito Claudio Grazioli) e Docente di Alimentare Naturale Macrobiotica e MTC presso l'Associazione Chicco di Riso, gestisco (insieme a Claudio) il B&B Il B&B Il Melograno Nano, a Barga (LU). Conduco corsi teorici e pratici su tutto il territorio nazionale (e anche all'estero), fornendo suggerimenti e ricette sull'alimentazione, allo scopo di sensibilizzazione e promuovere la cultura del cibo sano e della sostenibilità ambientale. Cerco di approfondire costantemente le tematiche dell'alimentazione, attraverso lo studio di Alimentazione e Gastronomia (a livello universitario: sto studiando per diventare anche Nutrizionista) e Alimentazione Energetica (Dietetica in Medicina Tradizionale Cinese). Il mio sogno? Poterci avviare verso una Consapevolezza, ovvero la via per ritrovare noi stessi, per vivere in armonia con la natura, imparando ad essere artefici della nostra vita e del nostro destino. Per essere in salute, liberi, felici.