“Voglio essere libero di fare ciò che voglio!”. Sento spesso ripetere questa frase, specie quando si tratta di scelte alimentari.
In questa frase manca però un presupposto fondamentale. Ciò che ci dovremmo chiedere è

Sono realmente libero?

Ciò che penso di volere è realmente ciò che voglio, oppure un condizionamento esterno che mi spinge verso comportamenti di massa funzionali al volere di altri?

La libertà è dunque una realtà o, piuttosto, un’illusione?

Per essere realmente liberi, è necessaria una presa di coscienza che ci permetta di “ripulirci” dai condizionamenti che spesso, anche inconsapevolmente, guidano le nostre scelte quotidiane, a cominciare dalle scelte del nostro cibo (influenzate dal marketing!).

Perché allora non facciamo qualcosa? Perché non usiamo il nostro libero arbitrio? Molto spesso, la finta libertà è la scelta più comoda: possiamo continuare a fare quello che abbiamo sempre fatto, evitando di responsabilizzarci.

Imbottigliati nella nostra routine quotidiana, continuiamo a vivere una vita che non è la nostra, convinti che non ci sia tempo per altro. Non abbiamo tempo per cucinare, per masticare, per meditare, per passeggiare nei boschi.
Non abbiamo tempo per vivere!

Quando riusciamo ad intravedere una possibilità di cambiare, spesso siamo colti dalla paura di farlo.
Cosa c’è da temere? Di cosa abbiamo paura… forse paura di vivere?

L’unico rischio è quello di ritrovare noi stessi ed essere felici.

 



Immagini prese dalla rete e RIMOVIBILI su semplice richiesta

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Il Cibo della Salute di Silvia Petruzzelli.


AIUTACI A SOSTENERE QUESTO SITO!
Se acquisti ingredienti o libri o altro sul sito Macrolibrarsi, puoi inserie il codice partner 5496 (fase 4 del carrello), ricambiando la condivisione delle informazioni divulgate sul sito. Puoi così aiutarmi a sostenere le spese del blog.
GRAZIE!


HAI BISOGNO DI UNA CONSULENZA ALIMENTARE?
Puoi richiederla a questo link .

Dopo una prima laurea in Scienze dell’Informazione e dopo una pluriennale esperienza in aziende multinazionali, decide di cambiare vita. Intraprende quindi gli studi di Naturopatia, approfondendo i principi energetici del cibo attraverso lo studio e la pratica dell’Alimentazione Naturale Macrobiotica, frequentando anche l'Istituto Macrobiotico del Portogallo, fondato da Francisco Varatojo. Segue i corsi di Alta Cucina Naturale presso il Joia Academy, fondata dal maestro Pietro Leemann. Crea il sito IlCibodellaSalute.com, allo scopo di divulgare uno stile di vita sano, consapevole e sostenibile. Consegue una seconda laurea in Scienze dell’Alimentazione e Gastronomia, proseguendo con lo studio magistrale di Nutrizione Umana. 
Coautrice del libro Il Cibo della Gratitudine, ha collaborato alla stesura del libro Medicina da Mangiare di Franco Berrino, curando la parte relativa alla prevenzione e contribuendo con numerose ricette di “Cibo Medicina”. Gestisce il B&B il Melograno Nano, a Barga (LU). Conduce corsi teorici e pratici di cucina e alimentazione.