Nelle bevande ZERO ZUCCHERI (come quella in figura), per dolcificare viene usato acesulfame K e aspartame. Si tratta di dolcificanti artificiali che non apportano calorie. In compenso, però, alterano la nostra flora batterica (detta anche MICROBIOTA).

Tra i dolcificanti artificiali più utilizzati abbiamo
• Aspartame (sigla E951)
• Acesulfame-K (sigla E950)
• Saccarina (sigla E954)
• Sucralosio (sigla E959)

Aspartame, acesulfame-K, Saccarina e Sucralosio sono circa 100 volte più dolci del saccarosio.

I dolcificanti a minimo contenuto calorico (classici ZERO calorie) favoriscono la Sindrome Metabolica, predisponendo quindi al diabete e ad altre malattie degenerative.

I ricercatori dell’Università di Manitoba a Winnipeg, in Canada, hanno condotto una revisione sistematica di 37 studi sui dolcificanti che hanno coinvolto complessivamente 400mila persone per una media di 10 anni, pubblicata sul Canadian Medical Association Journal.

I dolcificanti favorirebbero, nel lungo periodo, un incremento dell’indice di massa corporea (BMI), aumentando il rischio di malattie cardio-metaboliche, obesità, diabete di tipo2, ipertensione, sindrome metabolica, ictus.
👉 https://www.cmaj.ca/content/189/28/E929

Secondo voi, queste bevande sono idonee a chi ha una malattia autoimmune, come ad esempio la celiachia?

Ove le malattie autoimmuni (come tutte le malattie del resto) hanno origine nell’intestino!
👉 http://www.ilcibodellasalute.com/artrite-reumatoide-e-mala…/



Immagini prese dalla rete e RIMOVIBILI su semplice richiesta

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Il Cibo della Salute di Silvia Petruzzelli.


AIUTACI A SOSTENERE QUESTO SITO!
Se acquisti ingredienti o libri o altro sul sito Macrolibrarsi, puoi inserie il codice partner 5496 (fase 4 del carrello), ricambiando la condivisione delle informazioni divulgate sul sito. Puoi così aiutarmi a sostenere le spese del blog.
GRAZIE!


HAI BISOGNO DI UNA CONSULENZA ALIMENTARE?
Puoi richiederla a questo link .

Dopo una prima laurea in Scienze dell’Informazione e dopo una pluriennale esperienza in aziende multinazionali, decide di cambiare vita. Intraprende quindi gli studi di Naturopatia, approfondendo i principi energetici del cibo attraverso lo studio e la pratica dell’Alimentazione Naturale Macrobiotica, frequentando anche l'Istituto Macrobiotico del Portogallo, fondato da Francisco Varatojo. Segue i corsi di Alta Cucina Naturale presso il Joia Academy, fondata dal maestro Pietro Leemann. Crea il sito IlCibodellaSalute.com, allo scopo di divulgare uno stile di vita sano, consapevole e sostenibile. Consegue una seconda laurea in Scienze dell’Alimentazione e Gastronomia, proseguendo con lo studio magistrale di Nutrizione Umana. 
Coautrice del libro Il Cibo della Gratitudine, ha collaborato alla stesura del libro Medicina da Mangiare di Franco Berrino, curando la parte relativa alla prevenzione e contribuendo con numerose ricette di “Cibo Medicina”. Gestisce il B&B il Melograno Nano, a Barga (LU). Conduce corsi teorici e pratici di cucina e alimentazione.