Sai che la banana non è l’unico frutto dell’amore?

Sappiamo che alla nostra alimentazione sono spesso collegate mode e miti. E molti nascono in palestra.
Tra questo c’è il mito della banana…

Ci dicono che abbiamo bisogno di potassio. E questo è vero. Ce lo dice anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità del resto, che ci ricorda di consumare 3,5 g di potassio al giorno (per gli adulti).

E la banana contiene 350 mg in 100 g. Ma ci sono alimenti, che sono oltretutto, anche più etici e sostenibili… perché ricordiamo che la banana è un frutto tropicale e ad esso è collegato spesso sfruttamento e inquinamento (si è vero si coltiva ora anche in Sicilia… però non tutto l’anno).

Il potassio è piuttosto ubiquitario nei cibi di origine vegetale. Ad esempio, nei fichi secchi ci sono dosi ben più alte rispetto alla banana: 1010 mg/100 g. Ma anche melone e albicocche non sono male… quasi si equivalgono al cibo tropicale: rispettivamente 333 mg/100 g e 320 mg/100 g.
Per non parlare della frutta secca!!!!

  • Pistacchi 1040 mg/100 g,
  • Mandorle (780 mg/100 g)
  • Noci (603 mg/100 g).

Dunque, perché la banana? Forse perché è l’unico frutto dell’amor? Ma non mi pare!!!

Ricordiamo che il potassio è essenziale, ma è importante l’equilibrio con il Sodio (ovvero con il SALE, che è un sale minerale, ma che non è molto presente nelle verdure).

Il potassio è importante per la regolazione del ritmo cardiaco e per la contrazione muscolare.
Una carenza può causare debolezza muscolare, tachicardia e aritmie, sonnolenza. Ma un eccesso non è auspicabile, visto che oltre ad astenia e crampi muscolari, può condurre, in casi gravi, ad un arresto del nostro muscolo più importante: IL CUORE!!!



Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Il Cibo della Salute di Silvia Petruzzelli.

Dopo una pluriennale esperienza in aziende multinazionali, decido di cambiare vita per ritrovare me stessa. Lascio la carriera per tornare alla natura, ad una vita semplice. Intraprendo quindi gli studi di Naturopatia. Affascinata dalla Medicina Tradizionale Cinese, proseguo con il percorso di Shiatsu, approfondendo successivamente i principi energetici del cibo attraverso lo studio e la pratica dell’Alimentazione Naturale Macrobiotica, in Italia e all'estero. Per migliorare le tecniche di cucina, seguo i corsi di Alta Cucina Naturale presso il Joia Academy, fondata dal maestro Pietro Leemann. Coautrice dei libri Il Cibo della Gratitudine, ho collaborato alla stesura del libro Medicina da Mangiare di Franco Berrino, curando la parte relativa alla prevenzione e contribuendo con numerose ricette di “Cibo Medicina”. Ho fondato questo blog http://www.ilcibodellasalute.com allo scopo di divulgare uno stile di vita sano, consapevole e sostenibile. Esperta di cucina macro-mediterranea, cucino (insieme a mio marito Claudio Grazioli) ed offro supporto per chi voglia migliorare il proprio benessere attraverso l'alimentazione. Sono Docente di Alimentare Naturale Macrobiotica e MTC presso l'Associazione Chicco di Riso, gestisco (insieme a Claudio) il B&B biologico Il Melograno Nano, a Barga (LU). Conduco corsi teorici e pratici su tutto il territorio nazionale (e anche all'estero), fornendo suggerimenti e ricette sull'alimentazione, divulgando uno stile di vita sano e gustoso, allo scopo di sensibilizzare e promuovere la cultura del cibo sano e della sostenibilità ambientale. Cerco di approfondire costantemente le tematiche dell'alimentazione, attraverso lo studio di Alimentazione e Gastronomia (a livello universitario) e Alimentazione Energetica (Dietetica in Medicina Tradizionale Cinese). Il mio sogno? Poterci avviare verso una Consapevolezza, ovvero la via per ritrovare noi stessi, per vivere in armonia con la natura, imparando ad essere artefici della nostra vita e del nostro destino. Per essere in salute, liberi, felici.