In occasione del compleanno di Enrica, madre de La Grande Via, Claudio ha preparato questa torta, seguendo le seguente ricetta. L’abbiamo dedicata, e l’abbiamo offerta ai nostri ospiti per la prima colazione al B&B Il Melograno Nano.

Ingredienti per il pan di Spagna

  • 300 gr di farina semintegrale (tipo1 o tipo2) di grani antichi
  • 150 gr circa di malto di riso
  • un pizzico di sale marino integrale
  • 50 gr di olio di semi di girasole ALTO OLEICO
  • 1 bustina di agente lievitante con cremortartaro
  • 1/2 cucchiaino di cannella
  • buccia grattugiata di un limone
  • buccia grattugiata di un’arancia (opzionale)
  • bevanda di soia qb

Procedimento per la torta

Amalgamate bene tutti gli ingredienti solidi. Quindi cominciate ad aggiungere i liquidi. Unite l’agente lievitante con cremor tartaro  al succo di limone, in maniera tale che faccia reazione e poi unite all’impasto. Aggiungete la bevanda di soia fino ad ottenere una consistenza cremosa (ma non troppo liquida). Lavorate molto bene in maniera tale da inglobare aria.

Versate quindi il composto in una teglia (oliata oppure con carta da forno) di 25 cm di diametro. Si suggerisce di usare una teglia con apertura laterale (anello).
Cuocete in forno (preriscaldato), prima a 140° (per i primi 10 minuti) e poi aumentate a 170°. I tempo dipendono dal forno. Quando la torta sarà dorata, fate la prova dello stuzzicadenti.

Una volta cotto, aspettate che raffreddi, tagliate orizzontalmente in due (che identificheremo con base e cupola). Rimettete nella teglia di cottura (con il suo anello) la base della torta.

Farcitela prima con un leggero strato di confettura di lamponi, chiudendo eventuali fessure che si creano ai bordi (per evirare che la crema che verseremo poi fuoriesca lateralmente) e colare la crema di nocciole (la cui ricetta è riportata di seguito).
A questo punto posate la cupola della torta, esercitando una leggera pressione per farla aderire alla parte inferiore.

Fate raffreddare e aprite l’anello della teglia, trasferendo la torta su una griglia. Preparate la crema di mandorle come da ricetta riportata di seguito. Colatela sulla torta (partendo dal centro) un po’ alla volta, aiutandovi con una spatola per livellare la crema sulla cupola e lateralmente.

Potete eventualmente guarnire con un kanten  di lampone mirtillo (utilizzato per il cerchio esterno e per il simbolo de la grande via). Qui la ricetta del kanten.

Per la gli auguri è stata preparata una crema di pistacchio addensata con arrow-root.

Crema di nocciole

Ingredienti

  • 30 gr di farina di riso integrale
  • 1 cucchiaino di agar agar in polvere
  • 1 cucchiaino di arrow-root (o amido di mais)
  • sale marino integrale (un pizzico)
  • 600 ml di bevanda di avena
  • 70 gr di nocciole tostate
  • 70 gr di malto di riso (la quantità dipende dal gusto personale)
  • 1 cucchiaio di mirin

Procedimento

In un pentolino versate la farina di riso integrale e versate, un po’ alla volta, stemperando, la bevanda di avena. Aggiungete gli altri ingredienti. Mettete sul fuoco e portare a bollore mescolando. Fate cuocere per circa 10 minuti sempre mescolando.

Crema di mandorle

Ingredienti

  • 500 ml di bevanda di riso integrale
  • 30 gr di farina di riso integrale
  • 1 cucchiaino di agar agar in polvere
  • 1 cucchiaino di arrow-root (o amido di mais)
  • 1/4 di cucchiaino di cannella
  • 50 gr di mandorle ridotta in farina (mandorle pelate)
  • buccia grattugiata di un limone
  • 3-4 albicocche secche tritate finemente (dipende da quanto dolce lo vogliamo)
  • sale marino integrale (un pizzico)
  • 2 cucchiai di mirin

Procedimento

In un pentolino versate la farina di riso integrale e versate, un po’ alla volta, stemperando, la bevanda di avena. Aggiungete gli altri ingredienti. Mettete sul fuoco e portare a bollore mescolando. Fate cuocere per circa 10 minuti sempre mescolando.



Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Il Cibo della Salute di Silvia Petruzzelli.

Dopo una pluriennale esperienza in aziende multinazionali, decido di cambiare vita per ritrovare me stessa. Lascio la carriera per tornare alla natura, ad una vita semplice. Intraprendo quindi gli studi di Naturopatia. Affascinata dalla Medicina Tradizionale Cinese, proseguo con il percorso di Shiatsu, approfondendo successivamente i principi energetici del cibo attraverso lo studio e la pratica dell’Alimentazione Naturale Macrobiotica, in Italia e all'estero. Per migliorare le tecniche di cucina, seguo i corsi di Alta Cucina Naturale presso il Joia Academy, fondata dal maestro Pietro Leemann. Coautrice dei libri Il Cibo della Gratitudine, ho collaborato alla stesura del libro Medicina da Mangiare di Franco Berrino, curando la parte relativa alla prevenzione e contribuendo con numerose ricette di “Cibo Medicina”. Ho fondato questo blog http://www.ilcibodellasalute.com allo scopo di divulgare uno stile di vita sano, consapevole e sostenibile. Cuoca (insieme a mio marito Claudio Grazioli) e Docente di Alimentare Naturale Macrobiotica e MTC presso l'Associazione Chicco di Riso, gestisco (insieme a Claudio) il B&B Il B&B Il Melograno Nano, a Barga (LU). Conduco corsi teorici e pratici su tutto il territorio nazionale (e anche all'estero), fornendo suggerimenti e ricette sull'alimentazione, allo scopo di sensibilizzazione e promuovere la cultura del cibo sano e della sostenibilità ambientale. Cerco di approfondire costantemente le tematiche dell'alimentazione, attraverso lo studio di Alimentazione e Gastronomia (a livello universitario: sto studiando per diventare anche Nutrizionista) e Alimentazione Energetica (Dietetica in Medicina Tradizionale Cinese). Il mio sogno? Poterci avviare verso una Consapevolezza, ovvero la via per ritrovare noi stessi, per vivere in armonia con la natura, imparando ad essere artefici della nostra vita e del nostro destino. Per essere in salute, liberi, felici.