Chi non ha sentito parlare di diete “miracolose” che permettono di perdere peso senza sforzo?
Ma quanto c’è di miracoloso? E quali sono gli effetti sulla nostra salute?

Negli ultimi anni spopolano le diete contenuto proteico (le diete iperproteiche). Chi non ha sentito parlare della dieta a Zone, la Dukan, la Paleo e ultimamente anche quella che ci promette di vivere 120 anni?

Qualcuno infatti sostiene che una dieta iperproteica aumenti il metabolismo e faciliti la perdita di peso in eccesso. Anche se il successo di questo approccio può essere alquanto variabile. Visto che anche le proteine sviluppano calorie e, se in eccesso, si trasformano in grasso.

Innanzitutto vediamo: Cosa sono le proteine?

Le proteine ​​sono essenziali per la vita: sono i mattoni che costituiscono le nostre cellule e sono coinvolte in funzioni biochimiche vitali del nostro organismo.
Sono particolarmente importanti in fase di crescita, durante lo sviluppo e nei processi di riparazione dei tessuti.

Insieme a Carboidrati e Grassi, le proteine ​​sono uno dei tre principali “macronutrienti” (insieme a carboidrati e grassi).

Di quante proteine ​​hai bisogno?

E’ necessario “assumere” (attraverso il nostro cibo) una certa quantità di proteine ​​per evitare la malnutrizione. Con l’avanzare dell’età, potrebbe essere anche importante un certo apporto proteico per presentare la massa muscolare (evitando il rischio sarcopenia).

La quantità ideale di proteine ​​che dovremmo consumare ogni giorno è un po’ incerta.

La dose raccomandata in base al peso suggerisce 0,8 grammi per chilogrammo di peso corporeo.
Le persone attive, in particolare quelle che stanno cercando di costruire la massa muscolare (body builder), potrebbero aver bisogno di più.

Se basiamo l’apporto in termini percentuali sul totale delle calorie assunte, circa il 10% delle calorie dovrebbe provenire dalle proteine (considerando che 1 gr di proteine=4 Kcal).

E’ comunque bene prestare maggiore una attenzione al tipo di proteine ​​nella dieta piuttosto che alla quantità. Ovvero, sarebbe raccomandato moderare il consumo di carne rossa e aumentare le fonti proteiche più sane, come fagioli, principalmente, ma anche pesce azzurro, yogurt (con latte da allevamenti biologici).

Ci sono però alcuni esperti che affermano che queste raccomandazioni sono tutte sbagliate e che dovremmo consumare più proteine, fino al doppio delle raccomandazioni standard. Altri ancora sostengono che la dieta americana media contenga già troppe proteine.

Risultato? Un grande caos!!!

Ma torniamo alla nostra salute (che è quella che dovrebbe interessarci di più):

Troppe proteine ​​possono essere dannose?

La risposta breve è sì. Come per la maggior parte delle cose nella vita, se poco fa bene, troppo non fa meglio. Se si “mangiano troppe proteine”, quindi, potrebbe esserci un prezzo da pagare. Tra le condizioni legate alle diete iperproteiche ci sono:

  • Colesterolo alto e un rischio maggiore di malattie cardiovascolari
  • Aumento del rischio di cancro
  • Malattia renale e calcoli renali
  • Aumento di peso (sì, questo sembra strano per una strategia di perdita di peso proposta)
  • Costipazione o diarrea

Queste condizioni riportate sono emerse a seguito di alcuni studi che le hanno evidenziate tra le persone che seguono una dieta ricca di proteine.

Quello che va considerato è il modo in cui la proteina viene consumata oppure ciò che la proteina sostituisce. Ad esempio, una dieta ricca di proteine ​​derivanti dal consumo di molta carne rossa e latticini ad alto contenuto di grassi potrebbe portare a colesterolo e un rischio maggiore di malattie cardiache e cancro al colon, mentre un’altra dieta ricca di proteine ​​​​a base vegetale potrebbe non comportare rischi simili.

Uno studio ha scoperto che l’aumento di peso era più probabile quando le proteine ​​sostituivano i carboidrati nella dieta, ma non quando sostituivano i grassi.

Quindi, in tema di proteine, quando troppe proteine costa troppo?

È difficile fornire una risposta specifica, poiché molte cose sono ancora incerte e gli stessi esperti non sono d’accordo. Tuttavia, per la persona media (che non è un atleta d’élite o fortemente coinvolto nel body building) è probabilmente meglio evitare di un apporto eccessivo di proteine.

Cosa deve fare un amante delle proteine?

Se vuoi conservare una dieta ricca di proteine, i dettagli contano:

  • Informati dal tuo medico se hai delle condizioni di salute (come la malattia renale) che potrebbero rendere tale dieta rischiosa
  • Ottieni le tue proteine ​​da fonti sane come latticini a basso contenuto di grassi, pesce, noci e fagioli, pollo magro e tacchino; evita fonti di proteine ​​che contengono carboidrati altamente trattati e grassi saturi
  • Distribuisci il tuo consumo di proteine ​​tra tutti i tuoi pasti durante il giorno

La scelta migliore è quella di una dieta equilibrata che includa molta verdura, frutta e fibre: la dieta mediterranea è un buon punto di partenza.

Tradotto liberamente da 👉 https://www.health.harvard.edu/diet-and-weight-loss/when-it-comes-to-protein-how-much-is-too-much



Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Il Cibo della Salute di Silvia Petruzzelli.

Dopo una pluriennale esperienza in aziende multinazionali, decido di cambiare vita per ritrovare me stessa. Lascio la carriera per tornare alla natura, ad una vita semplice. Intraprendo quindi gli studi di Naturopatia. Affascinata dalla Medicina Tradizionale Cinese, proseguo con il percorso di Shiatsu, approfondendo successivamente i principi energetici del cibo attraverso lo studio e la pratica dell’Alimentazione Naturale Macrobiotica, in Italia e all'estero. Per migliorare le tecniche di cucina, seguo i corsi di Alta Cucina Naturale presso il Joia Academy, fondata dal maestro Pietro Leemann. Coautrice dei libri Il Cibo della Gratitudine, ho collaborato alla stesura del libro Medicina da Mangiare di Franco Berrino, curando la parte relativa alla prevenzione e contribuendo con numerose ricette di “Cibo Medicina”. Ho fondato questo blog http://www.ilcibodellasalute.com allo scopo di divulgare uno stile di vita sano, consapevole e sostenibile. Esperta di cucina macro-mediterranea, cucino (insieme a mio marito Claudio Grazioli) ed offro supporto per chi voglia migliorare il proprio benessere attraverso l'alimentazione. Sono Docente di Alimentare Naturale Macrobiotica e MTC presso l'Associazione Chicco di Riso, gestisco (insieme a Claudio) il B&B biologico Il Melograno Nano, a Barga (LU). Conduco corsi teorici e pratici su tutto il territorio nazionale (e anche all'estero), fornendo suggerimenti e ricette sull'alimentazione, divulgando uno stile di vita sano e gustoso, allo scopo di sensibilizzare e promuovere la cultura del cibo sano e della sostenibilità ambientale. Cerco di approfondire costantemente le tematiche dell'alimentazione, attraverso lo studio di Alimentazione e Gastronomia (a livello universitario) e Alimentazione Energetica (Dietetica in Medicina Tradizionale Cinese). Il mio sogno? Poterci avviare verso una Consapevolezza, ovvero la via per ritrovare noi stessi, per vivere in armonia con la natura, imparando ad essere artefici della nostra vita e del nostro destino. Per essere in salute, liberi, felici.