Oggi parliamo di Salute, il cui diritto viene sancito dall’Art. 32 della Costituzione italiana.

Ma cos’è la Salute, la cui definizione spesso non è chiara. L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) la definisce come

“Stato di COMPLETO benessere FISICO, PSICHICO e SOCIALE e NON SEMPLICE ASSENZA DI MALATTIA”.

Chiarito ciò, e tornado all’articolo 32, il dubbio sulla tutela mi sembra lecito.

Qualcuno obietta. Ma gli avete visti i morti? Si certo! Anche prima si moriva, principalmente per malattie non trasmissibili (ipertensione arteriosa, malattie cardiovascolari, diabete, tumore, ecc). Ma in questo periodo, miracolosamente pare che tali malattie non mietano più vittime: tutti i decessi sono infatti per Covid-19. Anche gli incidenti domestici? Probabilmente.

E i suicidi? Già perché in questo periodo i suicidi aumentano. Aumentano i disagi psico-emotivi. E tutto questo in conseguenza di come viene gestita la situazione.

Certamente, non una situazione facile.
Ma, chiediamoci: cosa si sta facendo REALMENTE per la salute?

RIFLETTIAMO. Se 10 persone vengono infettate da questo virus, c’è da chiedersi: perché una soccombe e le altre no?
Se lo chiedessimo ad un bambino, ci risponderebbe: perché una è antipatica e le altre no.

Ma, poiché siamo adulti e abbiamo anche qualche conoscenza in materia, potremmo osare una risposta più MATURA: dipende dalle condizioni del sistema immunitario. Fondamentalmente dalle condizioni di salute del soggetto. Le persone che soccombono sono, purtroppo, prevalentemente quelle affette dalle patologie per le quali oggi non si muore più (si veda dati ISS).

Patologie di cui soffrono giovani, ma soprattutto anziani. Non perché la vecchiaia sia una malattia, sia ben chiaro. Perché si può anche invecchiare sani… Un tempo, in realtà. Ora un po’ meno: la maggior parte delle persone over 65 fa uso di farmaci. Ipertensione, ipercolesterolemia, diabete di tipo 2… tutte patologie che possono essere gestite risalendo alle cause (placare il sintomo non è sufficiente).

Ordunque, l’isolamento (anche dei sani) è sufficiente?
In realtà no!!! Forse anche controproducente sotto certi punti di vista. Del resto, sappiamo (o forse no?) che il virus si trasmette maggiormente in ambiente chiuso; e che il movimento è vitale… analogamente l’aria aperta (mentre per il virus è deleterio).

Ciò che è necessario fare è sostenere il SISTEMA IMMUNITARIO: ci ammaliamo e soccombiamo perché il nostro sistema immunitario non è in grado di proteggerci!

E cosa stiamo facendo per rinforzarlo?
In realtà nulla! Anzi, lo stiamo indebolendo sempre più. Oltretutto, ansia, paura e stress lo deprimono.
Non solo, oggi viviamo in un clima di paura, che rende quasi legittima l’oppressione e la privazione di libertà.

Non possiamo rinunciare alla nostra libertà per una paura indotta da un virus che, come si affermava da persone mature e pensanti, ha effetto laddove ci trova impreparati, ovvero laddove la nostra salute è debole.
Facciamo allora qualcosa per rinforzarla!!!

E’ un fatto (anche se non ci viene detto) che le principali patologie correlate ai decessi “per” Covid-19 si riferiscono alla Sindrome Metabolica. Che, a seguito delle politiche attuate (si sta a casa, si mangia peggio e più di prima, non si fa movimento, non si sta all’aria) peggioreranno sempre più.

E’ così che vogliamo sconfiggere queste patologie?
Mettendo tutto nel calderone Covid-19?

Parrebbe quasi un’ipocrisia… Se un problema lo nascondo e lo ripropongo sotto mentite spoglie, non l’ho risolto! L’ho solamente celato! E offendo anche l’intelligenza dei pensanti…

E’ necessario agire sulle cause!!!
E tutelare la nostra Salute.
Per il bene collettivo appunto. Visto, oltretutto, che patologie come quelle citate possono essere generalmente non solo prevenute, ma anche gestite. Attraverso un corretto stile di vita e alimentare.
Questo si chiama anche interesse della collettività.

La salute è il bene più importante che abbiamo. E se davvero ci teniamo, è necessario fare qualcosa!

E’ un nostro diritto! Ma anche un DOVERE!
E rispetto per la vita…

Ricette di Cucina Consapevole. Macrobiotica e Salute



Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Il Cibo della Salute di Silvia Petruzzelli.

Dopo una pluriennale esperienza in aziende multinazionali, decido di cambiare vita per ritrovare me stessa. Lascio la carriera per tornare alla natura, ad una vita semplice. Intraprendo quindi gli studi di Naturopatia. Affascinata dalla Medicina Tradizionale Cinese, proseguo con il percorso di Shiatsu, approfondendo successivamente i principi energetici del cibo attraverso lo studio e la pratica dell’Alimentazione Naturale Macrobiotica, in Italia e all'estero. Per migliorare le tecniche di cucina, seguo i corsi di Alta Cucina Naturale presso il Joia Academy, fondata dal maestro Pietro Leemann. Coautrice dei libri Il Cibo della Gratitudine, ho collaborato alla stesura del libro Medicina da Mangiare di Franco Berrino, curando la parte relativa alla prevenzione e contribuendo con numerose ricette di “Cibo Medicina”. Ho fondato questo blog http://www.ilcibodellasalute.com allo scopo di divulgare uno stile di vita sano, consapevole e sostenibile. Esperta di cucina macro-mediterranea, cucino (insieme a mio marito Claudio Grazioli) ed offro supporto per chi voglia migliorare il proprio benessere attraverso l'alimentazione. Sono Docente di Alimentare Naturale Macrobiotica e MTC presso l'Associazione Chicco di Riso, gestisco (insieme a Claudio) il B&B biologico Il Melograno Nano, a Barga (LU). Conduco corsi teorici e pratici su tutto il territorio nazionale (e anche all'estero), fornendo suggerimenti e ricette sull'alimentazione, divulgando uno stile di vita sano e gustoso, allo scopo di sensibilizzare e promuovere la cultura del cibo sano e della sostenibilità ambientale. Cerco di approfondire costantemente le tematiche dell'alimentazione, attraverso lo studio di Alimentazione e Gastronomia (a livello universitario) e Alimentazione Energetica (Dietetica in Medicina Tradizionale Cinese). Il mio sogno? Poterci avviare verso una Consapevolezza, ovvero la via per ritrovare noi stessi, per vivere in armonia con la natura, imparando ad essere artefici della nostra vita e del nostro destino. Per essere in salute, liberi, felici.